BISOGNA CAMBIARE - VERSOLAVITA

VERSOLAVITA
CHIESA CRISTIANA EVANGELICA dei Fratelli
Via Domenico Minichini 17-80147 Napoli (quartiere di Barra)
VERSOLAVITA
Vai ai contenuti
Bisogna cambiare!

È questa una frase che sentiamo sulla bocca di tutti e che, forse, anche noi inconsciamente ripetiamo. Davanti alle rovine e alle sofferenze accumulate dalle guerre, davanti all'odio e alla violenza che separa gli uomini, davanti all'immoralità che rovina i popoli, davanti alla cristianità che ha fallito la sua missione, davanti a tutte le ingiustizie e le miserie umane è. logico dire : " Bisogna cambiare! ".
Ma chi, che cosa e come bisogna cambiare?
BISOGNA CAMBIARE!  dicono gli operai il padrone ci sfrutta vergognosamente, i suoi guadagni sono enormi e noi siamo vittime del suo egoismo".
BISOGNA CAMBIARE! -dicono i padroni i nostri denari non fruttano più, le nostre fortune sono assorbite dalle imposte troppo
BISOGNA CAMBIARE! dicono i politici dinanzi all'intreccio delle relazione internazionali -si deve finire con la lotta di classe e di partito; bisogna bandire per sempre la guerra e la violenza; è necessaria una tregua dei conflitti e degli interessi; vogliamo un mondo nuovo basato sull'intesa e sulla giustizia!".
BISOGNA CAMBIARE! -sospira la povera donna ed il pensionato che portano da soli il grave carico dell'economia domestica non riusciamo più a farcela!".
BISOGNA CAMBIARE! -dice l'uomo legato al vizio mentre vede il suo denaro, la sua salute, la sua
BISOGNA CAMBIARE! -proclama la chiesa allarmata l'incredulità, il materialismo guadagnano ogni giorno terreno. I luoghi di culto sono deserti e la gioventù ci sfugge per correre dietro ad altri ideali, per stordirsi con piaceri .malsani. Occorre dare un senso più vero e più elevato alla vita!"
BISOGNA CAMBIARE! Su questo punto tutti sono d’accordo: operai e padroni, ricchi e poveri,. deboli e forti, giovani e vecchi, uomini e donne.gioventù andarsene , che vita è la mia:
Tutti sono unanimi nel dichiarare che è necessario ed urgente un cambiamento!
Ma che CoSa bisogna cambiare? Pare che tutti abbiamo una ricetta infallibile che inizia sempre con: "bisognerebbe che gli altri..." e mai con " bisognerebbe che lo..." Così ognuno trova nell'altro la causa di ciò che lo danneggia. Si cerca di levare la pagliuzza nell'occhio altrui e non ci si cùra della propria trave. Ci si lamenta della mancanza di denaro ed ognuno beve, fuma, spende. Ci si lamenta dei tempi difficili ma poi si passa il proprio tempo in divertimenti di ogni specie.
Chi ci può salvare dunque? Chi ci può aiutare a cambiare? Uno solo può farlo, Colui che ha detto: "Ecco, io ", vi darò un cuore nuovo e metterò dentro di voi uno spirito nuovo, torrò dalla vostra carne, il cuore di pie-tra e vi darò un cuore di carne sensibile, metterò dentro di voi il mio spirito e farò sì che camminerete secondo le mie leggi e osserverete e metterete in pratica le mie prescrizioni".
Una persona sola può compiere questo miracolo: Gesù Cristo. "In nessun altro è la salvezza poiché non v'è sotto il cielo alcun altr-o nome che sia stato dato agli uomini per il quale noi abbiamo ad essere salvati".
Amico con uno slancio di fede
vai a Gesù, lascialo operare nella tua vita.
Egli trasformerà la tua esistenza, il tuo CUore, i tuoi sentimenti e ti darà una nuova visione delle CoSe! Egli vuoi fare di te una persone rinnovata dal Suo Santo Spirito e così potrai dire con l'apostolo Paolo: "Le cose vecchie son passate, ecco tutte le cose sono diventate nuove”!BISOGNA CAMBIARE... ma non si deve cominciare dal di fuori, bensì dal di dentro; non dall'ordine sociale ma dall'uomo; non dagli altri ma da noi stessi; non dalle nostre abitudini ma dal nostro cuore, vale a dire dal centro del nostro essere il quale purtroppo è " ingannevole più di ogni altra cosa ed insanabilmente maligno " come afferma la Sacra Scrittura! essere schiavo dell'alcool, della droga, del fumo, del sesso!". pesanti il carico è gravoso e continua ad aumentare".
www.versolavita.it
Questo sito è prodotto dalla Chiesa Cristiana Evangelica - via Domenico Minichini 17 - 80147 Napoli
DATA DELLA PRIMA PUBBLICAZIONE GENNAIO 2004
Torna ai contenuti