DIO E ISRAELE - VERSOLAVITA

VERSOLAVITA
CHIESA CRISTIANA EVANGELICA dei Fratelli
Via Domenico Minichino 17-80147 Napoli (quartiere di Barra)
VERSOLAVITA
Vai ai contenuti
ISRAELE E DIO

1 INTRODUZIONE
Esodo è il secondo libro dell’Antico Testamento. Fu scritto da Mosè, come tutti i primi cinque libri della Bibbia. È il racconto di come Dio liberò i discendenti di Abramo dall’Egitto, e poi, li costituì come nazione, prima di portarli nella terra promessa.
Questo libro oltre ad essere il libro della storia della nazione di Israele è un libro pieno di insegnamenti utili per ognuno di noi.
In particolare è rappresentato un importantissimo insegnamento sulla persona di Dio, circa il come bisogna avvicinarsi a Lui, e come bisogna adorarlo.
a Leggendo questo libro si ha la netta sensazione che il protagonista principe di tutto il libro è … MOSE’ . Questa percezione è’ un grosso errore in quanto il protagonista di tutta la Bibbia non è nessun uomo ma e Dio , l’Eterno , il Signore. Egli si è servito e si serve di uomini che lo riconoscono come tale . Ma il vero protagonista di tutta la storia dell’umanità è Dio .
Nel libro dell’ esodo DIO ha guidato gli eventi della vita di Mosè ed è proprio in questa manifestazione che possiamo intravedere un grande insegnamento.

2 IL NOME ISRAELE
Prima di approfondire l’insegnamenti di Dio per noi cerchiamo di capire meglio alcuni aspetti biblici del popolo di Israele.
Sapete perché questo popolo sono chiamati Israeliti?
a In Genesi capitolo 3 leggiamo che Giacobbe lottò con l’Angelo del Signore, … ed in quella occasione … l’Angelo del Signore …Genesi 32:28 … disse: «Il tuo nome non sarà più Giacobbe, ma Israele, perché tu hai lottato con Dio e con gli uomini e hai vinto».
In quell’occasione, il SIGNORE diede a Giacobbe il nuovo nome Israele. Ed è per questo che tutti i discendenti di Giacobbe , e cioè le 12 tribù , sono chiamati ISRAELITI.
E di conseguenza anche la terra promessa che Dio diede loro fu chiamata Israele.

3 CHIAMATO ANCHE FIGLI DI DIO
a Il popolo di Israele fu chiamato ANCHE in un'altra forma affettuosa da Dio …
Secoli più tardi, tramite il profeta Osea , Dio raccontò gli avvenimenti di quando liberò il popolo di Israele dalla schiavitù Egiziana … In quella occasione chiamo il suo popolo in modo particolare Osea 11:1 Quando Israele era fanciullo, io lo amai e chiamai mio figlio fuori d’Egitto.
Quindi il popolo di Israele fu chiamato … figlio di Dio… ed in effetti agli occhi di Dio il popolo di Israele era come un figlio

4 NON E’ UN CASO
Tutto quello che leggiamo nella storia biblica non è avvenuto per caso.
Ed non era per caso che Dio chiamò prima il suo popolo fuori d’Egitto .
Nulla succede per caso. Dio dirige tutto per insegnarci le verità spirituali e suggerirci i suoi insegnamenti .
E… non è un caso che i figli di Israele per forze di cose dovettero andare in Egitto.
 Infatti leggiamo in … Atti 7:11 Sopraggiunse poi una carestia in tutto l'Egitto e in Canaan; l'angoscia era grande, e i nostri padri non trovavano viveri. 12 Giacobbe, saputo che in Egitto c'era grano, vi mandò una prima volta i nostri padri.
 Genesi 46:2 Dio parlò a Israele in visioni notturne, e disse: «Giacobbe, Giacobbe!» Ed egli rispose: «Eccomi». 3 Dio disse: «Io sono Dio, il Dio di tuo padre. Non temere di scendere in Egitto, perché là ti farò diventare una grande nazione.

5 ISRAELE DIVENTA UNA GRANDE NAZIONE
Questa promessa fu realizzata … Infatti per circa trecento anni il popolo di Israele rimase in Egitto.
E da poche decine di persone … Genesi 46:26 Le persone che vennero con Giacobbe in Egitto, discendenti da lui, senza contare le mogli dei figli di Giacobbe, erano in tutto sessantasei …
Si moltiplicò fino a diventare un grande popolo. Infatti calcolando con alcuni passi biblici … Esodo 12:37 Gli Israeliti partirono da Ramses alla volta di Succot, in numero di seicentomila uomini adulti, senza contare i bambini. e censimenti fatti da Mosè … la popolazione uscita dall’Egitto era di circa TRE MILIONI di persone.

6 LA TOPOGRAFIA DELL’EGITTO
A QUESTO PUNTO DOBBIAMO argomentare un po’ di geografia.
Ricordiamo che NULLA esiste o succede per caso. Il SIGNORE è onnisciente, e quando creò il mondo, creò tutto in base a quello che avrebbe fatto nel futuro. L’Egitto ha una particolarità unica al mondo …
L’Egitto è un paese con una geografia molto insolita, infatti, è stato chiamato il paese più insolito della terra. L’Egitto è per la maggior parte un grande, arido deserto. Però, dal nord al sud, per circa 800 km, c’è una striscia di circa 11 km di larghezza che è verde, piena di vegetazione rigogliosa. Questa striscia di vita in mezzo al deserto è la striscia in cui passa il grande fiume Nilo.

7 LA VITA D’EGITTO È LEGATA SALDAMENTE AL NILO.
Il Nilo è uno dei fiumi più grandi e più importanti del mondo. È lungo più di 6.000 km. La maggior parte della sua acqua viene dalle abbondanti nevicate e piogge dalle montagne e dalle alte pianure dell’Africa centrale.
Ogni anno, per circa 100 giorni il Nilo straripa dalle sue rive in Egitto, e deposita molte tonnellate di terra ricca sui campi. Per questo motivo, la terra accanto il Nilo è estremamente fertile e produce abbondantemente, con poco lavoro. Il calendario dell’agricoltura in Egitto è strettamente legato a queste inondazioni annuali del Nilo.
In tanti altri luoghi nel mondo antico, per poter avere abbastanza da mangiare, l’uomo doveva lavorare tanto. In tanti posti, arare la terra era un lavoro duro e lento. Invece, in Egitto, l’aratro era piccolo, perché era così facile arare che esso non serviva di più.
Questa situazione permise all’Egitto di diventare una società ricca e molto sviluppata, con gran progresso nell’architettura, nelle scienze, nel campo militare, e in tanti altri campi. Questa è forse la ragione principale per cui l’Egitto diventò un grande impero sotto i faraoni. Mentre altri popoli si affaticarono per sopravvivere, gli Egiziani potevano impegnarsi in tante altre cose.

8 IL DIO DENARO
L’Egitto era ricco , si viveva bene , ... ma aveva un livello morale molto basso … Quando la vita è molto facile, come lo era in Egitto, spesso spinge l’uomo ad un livello morale molto basso.
In Egitto, si vi era cibo in abbondanza , divertimento e benessere Mangiava si beveva si divertiva , Cioè, era facile vivere per i piaceri di tutti i giorni, senza pensare alle cose eterne.
La ricchezza portava il popolo Egiziano a una vita vissuta esplicitamente per i piaceri terreni e lontana dagli aspetti spirituali. Di conseguenza l’Egitto era pieno di idolatria, e il falso dio principale era il dio del fiume Nilo.

9 OGGI
Oggi vi è un altro falso Dio che la maggior parte degli uomini insegue … E’ IL DIO DENARO…
In Egitto tutta la società era organizzata per il dio NILO … tutta l’organizzazione civile e religiosa era basata sul dio del Nilo.
Oggi è la stessa cosa … tutta la società è basata sul dio denaro … e la gente uccide , fa del male e vive lontano dal Signore per il dio denaro.
Gesù in una occasione disse : ( Luca 12:13-15 ) «Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell’abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni»
Gesù non condanna il denaro in sé … Ma è la cupidigia del denaro, la bramosia dell’arricchire, l’attaccamento ai soldi che Gesù condanna. Perché tutto questo porta qualsiasi uomo ad allontanarsi dalle cose spirituali.
L’amore per il denaro è la radice di tutti i mali … (1Timoteo 6,10)
Il denaro , la ricchezza fanno gola … il lusso è bello …. attrae più di ogni altra cosa. Questo mondo attrae … è ricco di effetti speciali … è bellissimo …. Ed è pieno di cose sfavillanti.
Non a caso nella Bibbia … l’Egitto … ricco … che viveva per il dio fiume … è usato come simbolo della malvagità del mondo senza Dio.
Questo mondo è la rappresentazione perfetta dell’ Egitto …

10 L’INFLUENZA SUGLI ISRAELITI
Gacobbe in Egitto Quando i figli di Giacobbe andarono a vivere in Egitto, a causa della situazione di Giuseppe, furono dato loro il meglio della terra per allevare i loro greggi. Portarono con sé una solida fede nell’unico vero Dio, il Dio di Abraamo, Isaaco e Giacobbe.
Israeliti incominciarono a dimenticare Dio MA …….…. La vita facile e l'idolatria d'Egitto portarono tanti Israeliti a distogliere lo sguardo da Dio, e a dimenticare le promesse che Dio aveva fatto ad Abraamo.
Seguirono gli idoli Cominciarono a seguire i tanti idoli degli Egiziani.
I cristiani attratti da questo mondo Quanti cristiani … sono attratti dagli effetti speciali dell’ Egitto …. Sono attratti da questo mondo e dimenticano la vita CRISTIANA.
Il signore ci ama Meno male che Il Signore naturalmente , amava il suo popolo e ci ama …

11 L'AZIONE DEL SIGNORE
a - PER PRIMA COSA RISPOLVERA UN PO’ LA MEMORIA …
infatti Leggiamo di questo in Ezechiele 20:7 Dissi loro: «Gettate via, ognuno di voi, le abominazioni che attirano i vostri sguardi e non vi contaminate con gli idoli d’Egitto; io sono il SIGNORE, il vostro Dio!»
Purtroppo sappiamo che il popolo di Israele si ribellò a Dio per seguire la bella vita egiziana … fatta di piaceri e idolatria . Ezechiele 20:8 Ma essi si ribellarono a me e non vollero darmi ascolto; nessuno di essi gettò via le abominazioni che attiravano il suo sguardo e non abbandonò gli idoli d’Egitto;
b - IL SIGNORE CORRE AI RIPARI …
Trecento anni dopo che Giuseppe si era recato in Egitto … il popolo era diventato numeroso e all’improvviso … dopo tanto tempo vissuti nella bella vita egiziana … Esodo 1:8 …. Sorse sopra l’Egitto un nuovo re, che non aveva conosciuto Giuseppe. 9 Egli disse al suo popolo: «Ecco, il popolo dei figli d’Israele è più numeroso e più potente di noi. 10 Usiamo prudenza con esso, affinché non si moltiplichi e, in caso di guerra, non si unisca ai nostri nemici per combattere contro di noi e poi andarsene dal paese».
DVA UNA VITA FACILE A UNA VITA DIFFICILE Dio guidò le cose in modo che mentre prima la situazione degli Israeliti era molto facile, a questo punto diventò veramente difficile e dura.
Tutto questo faceva parte del piano di Dio ….
 per preparare i loro cuori per lasciare l’Egitto.
 Man mano che si avvicinava il tempo della loro partenza dall’Egitto, Dio permetteva alla loro situazione di diventare sempre più difficile, per allontanarli dall’idolatria che aveva riempito la loro vita, e per prepararli a volere la salvezza che Dio stava per offrirgli.
INFATTI … 12 Ma quanto più lo opprimevano, tanto più il popolo si moltiplicava e si estendeva; e gli Egiziani nutrirono avversione per i figli d’Israele. 13 Così essi obbligarono i figli d’Israele a lavorare duramente.

12 IL PIANO DI DIO PER ISRAELE
Il SIGNORE aveva scelto di salvare il suo popolo dall’ Egitto … perché il suo piano per loro era che diventassero una luce per il mondo.
Il popolo di Dio non è stato scelto solamente per godere le benedizioni di Dio, ma soprattutto per essere una luce al mondo, ovvero, per far conoscere il nome del SIGNORE al mondo intero.
Per compiere questo tramite il popolo di Israele, era necessario che Dio li portasse fuori dall’idolatria, e dalla sensualità, e dalla vita facile dell’Egitto, e che li conducesse alla terra promessa, tra le montagne e il deserto, dove avrebbero conosciuto di più il loro SIGNORE.
Quindi, era necessario portarli fuori dall’Egitto, ed era necessario fargli capire che l’Egitto non era il posto per loro.

13 NOI SIAMO IN EGITTO ?
Per capire le lezioni spirituali in Esodo per noi, dobbiamo ricordare che nella Bibbia,
l’Egitto rappresenta il mondo del peccato.
Spesso, è un mondo piacevole, che ha tanti aspetti che attirano l’uomo. Può anche presentare delle dure sofferenze e schiavitù.
Ogn’uno di noi si trovava in Egitto …l’Egitto offriva certi apparenti vantaggi e certi piaceri agli Israeliti, così il mondo offre certi apparenti vantaggi e piaceri a noi.
In Egitto, c’era abbondanza da mangiare senza doversi affaticare. L’Egitto aveva un sistema religioso molto elaborato. Nel campo della scienza e dell’architettura gli Egiziani erano molto progrediti. Quindi, umanamente, per un uomo che non guarda a Dio, che cerca il suo tesoro nei piaceri del mondo, l’Egitto prometteva tanto.
Però, Dio chiama gli uomini a lasciare il loro Egitto per venire nella terra promessa, che rappresenta la vita e l’eternità con Dio.

14 CONCLUSIONE
Questo mondo è stato il nostro Egitto.
 Questo mondo … con tutte le cose belle che può rappresentare non può mai soddisfare il cuore dell’uomo.
 L’uomo è stato creato a immagine di Dio, ed è stato creato per avere comunione con Dio.… invece è fortemente attirato da quello che il mondo offre ed è di conseguenza si allontana sempre di più dal suo creatore.,
 Non si può stare in due posti nello stesso momento. O si sta alla presenza di Dio o si sta in questo mondo.
 Questo mondo impedisce di vedere la gloria di Dio . Questo mondo cerca di coprire , cerca con tutti mezzi di offuscare con effetti speciali e luci di mille colori le meraviglie e benedizione di vivere in comunione con Dio
Gli Ebrei che vivevano in Egitto erano abbagliati dalla bella vita egiziana e dimenticarono le meraviglie del loro padre. Erano contenti e soddisfatti e avevano riposto nei pesci e i cocomeri, i meloni, i porri, le cipolle e l’aglio la loro contentezza .
Quando erano nel deserto incominciarono a non essere contenti di mangiare la MANNA del Signore … desideravano Invece i pesci i cocomeri, i meloni, i porri, le cipolle e l’aglio che avevano in abbondanza in Egitto.
Impariamo da tutte queste esperienze per praticare una vita cristiana come desidera il Signore. NON RIMPIANGIAMO i cocomeri, i meloni, i porri, le cipolle e l’aglio DI QUESTO MONDO.
Dobbiamo VIVERE E desiderare la manna da Dio. Cioè tutto quello che ci offre … giorno per giorno …
www.versolavita.it
Questo sito è prodotto dalla Chiesa Cristiana Evangelica - via Domenico Minichino 17 - 80147 Napoli
DATA DELLA PRIMA PUBBLICAZIONE GENNAIO 2004
Torna ai contenuti